venerdì 30 aprile 2010

LACRIME E SANGUE SOTTO IL PARTENONE


Atene - Licenziamenti a catena, aziende e negozi chiusi, scioperi e manifestazioni, ma soprattutto rabbia e rancore. Perché – questo è il sentire comune - mentre i cittadini devono accettare il piano di austerità, i mercati continuano a speculare. La Grecia è sull’orlo del baratro e i greci devono attenersi alle regole imposte dall’emergenza.
E' un paese che sembra schiacciato da due sentimenti: rabbia e rassegnazione. Una fotografia di Thanassis Stavrakis, un reporter dell'Associated Press che è andato in giro a fotografarli, immortala un signore che passa, a testa china, davanti a una saracinesca abbassata su cui campeggia la scritta malamente scritta a spruzzo: “Io non voglio pagare. Non passeranno”. Si riferisce ai draconiani piani di un governo in seria difficoltà di consenso e che rimandano a uno slogan, caro anche a molti movimenti giovanili italiani e ormai tradotto in molte lingue: “Noi la crisi non la paghiamo!”. Kathimerini, giornale che ha anche un'edizione inglese, ha scelto una satira omerica, con una vignetta (in alto nell'immagine) che raffigura il primo ministro George Papandreou che gira nello spazio in motorino: incontra un alieno e gli chiede la strada per Itaca...

I post più recenti

Archivio blog

Lettori fissi