lunedì 12 aprile 2010

Le quattro beffe nel "campo da gioco di Dio". Con la tragedia tramonta una certa idea di Polonia?

“Il campo da gioco di Dio”. Così Norman Davies volle titolare i due volumi oxfordiani della sua “Storia della Polonia”, lo standard in materia. Qualcosa di davvero soprannaturale sembra segnare il destino della nazione polacca, almeno dall’avvento di papa Wojtyla in avanti. La tragedia consumata ieri mattina in un bosco nebbioso presso l’aeroporto russo di Smolensk, dov’è precipitato il vecchio Tupolev 154 con a bordo il presidente Lech Kaczynski e una folta delegazione di dignitari di Stato, è talmente carica di simbolismi da scuotere gli animi più disincantati. Quattro coincidenze fanno pensare...CONTINUA A LEGGERE

I post più recenti

Archivio blog

Lettori fissi