mercoledì 6 ottobre 2010

Illustre senatrice Nirenstein, Lei ha il dovere morale, politico, personale di dimettersi da un gruppo che ospita l’antisemita senatore Ciarrapico

Illustre senatrice Nirenstein,

noi tutti La ricordiamo indignata e sempre pronta a fulminare con l’accusa di antisemitismo. I destinatari della Sua accusa erano, preferibilmente, i palestinesi (che, francamente, con la Shoà c’entrano poco) ma anche tutti coloro che, in un modo o nell’altro, criticavano la politica del governo israeliano. Mi ricordo che una volta in un dibattito televisivo un ragazzino palestinese la scambiò per una rappresentante del governo israeliano, ma quella volta Lei sorrise benevola e materna: in fondo si trattava solo di un bambino (benché palestinese). La sua equazione era semplice: per Lei infatti tutti gli ebrei del mondo si identificano senz’altro con Israele e tutta Israele si identifica senz’altro con i suoi governi, anche con quelli segnati da forti tratti fascisti e razzisti come l’attuale. Ergo: chiunque dissente da Nethanyahu o da Liebermann è senz’altro antisemita.

I post più recenti

Lettori fissi